Logo Medaglia d argento al merito civile stemma
  Comune di Rionero in Vulture / News     
  «Home»   |   «News»   |   «Forum»  
Login      Password registrati registrati
             
 
La redazione
comune Sindaco
comune Giunta Comunale
comune Consiglio Comunale
comune Pres. Consiglio Comunale
comune Commissioni
comune Uffici e Servizi
comune Statuto
comune Regolamenti

Calendario
comune Autocertificazioni
comune Bandi e gare
comune Delibere e Determine
comune Guida ai servizi

Amministrazione Trasparente

Albo Pretorio

Sportello Unico Digitale Edilizia
Elenco Pec

La redazione
comune La Storia
comune Monumenti e Chiese
comune Monticchio
comune Il Monte Vulture
comune Palazzo Fortunato
comune Giustino Fortunato
comune Personaggi Illustri
comune I Sindaci di Rionero
comune Ricorrenze
comune Cucina tipica
comune Immagini e video
comune Biblioteca Comunale


Visitatori
Visitatori Correnti : 19
Membri : 0

La redazione



 
Assessore Chieppa:Sentenza Corte Costituzionale 16/03/2001 n° 65 a proposito delle acque minerali
Rionero in Vulture 09 ottobre 2008 alle 09:33:00

Con il federalismo fiscale in itinere assume particolare rilevanza la tematica sulle acque minerali da intendersi come risorsa di pubblico interesse.

Nel nostro ordinamento regionale vi sono due leggi: quella del 02 Settembre 1996 nr. 43 e quella del primo  Marzo 2005 nr. 21 che disciplinano la materia. Giova rilevare che già nel passato la Corte costituzionale se ne occupò in modo approfondito con la sentenza del 16 marzo 2001 nr. 65 considerando manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale posta dal Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia a proposito dell’art. 4, comma 21, lettera C) della legge regionale della Lombardia del 27 gennaio 1998 che modificava l’art. 22 della legge regionale della Lombardia del 29 Aprile 1980 nr. 44 nella parte in cui prevedeva una indennità accessoria per lo sfruttamento in concessione di acque minerali.


La sentenza che si commenta è importante perché la Consulta, in riferimento al Decreto legislativo del 27 Luglio 1927 nr. 1443, prendendo spunto dal caso di specie, fissò un principio fondamentale tuttora valido che è quello secondo cui con l’entrata in vigore dell’art. 117 cost., si è verificata una scissione della materia “MINIERE” in due ambiti di attribuzioni: quello delle acque minerali e termali che forma oggetto  di competenza  legislativa  concorrente soggetta al limite  dei principi  fondamentali risultanti, in assenza di apposita legge cornice, dalla legislazione  statale vigente e quello delle miniere e delle risorse geotermiche, oggetto di competenza esclusiva dello Stato , in relazione al quale  le regioni esercitano oggi soltanto funzioni delegate.


  (L'Assessore Giovanni Alfredo Chieppa)


Afferma, inoltre, la Corte Costituzionale che nella materia delle acque minerali e termali il principio fondamentale che funge da limite alla potestà legislativa concorrente della regione deve essere colto ad un livello di maggiore astrattezza  rispetto alla regola  positivamente stabilita nel citato art. 25 del decreto del 1927 in riferimento ai beni minerari in genere, tenuto anche conto  delle intrinseche  peculiarità delle coltivazioni delle acque minerali per le quali il solo criterio superficiario può in concreto risultare sproporzionato per difetto rispetto al beneficio economico che il concessionario trae dallo sfruttamento della risorsa pubblica.


Dice, sempre, la Corte che stante il principio testè menzionato, se ne ricava che il canone di concessione deve essere commisurato alla quantità di acque prelevate ed imbottigliate dal concessionario.


Non è necessaria una uniformità  di regime economico a livello nazionale e sopranazionale onde impedire  che autonomi interventi regionali producano  sfasature nella libera concorrenza  e nella circolazione dei beni e delle merci  nel mercato europeo. Il principio del libero  scambio  è ,infatti,  mal invocato di fronte a linee di indirizzo, di cui anche le Regioni possono essere  interpreti nelle materie di loro competenza, intese a non deprimere il valore delle risorse naturali che costituiscono patrimonio pubblico.


Ciò detto, si sbrighi la Regione Basilicata, a mezzo dell’Assessore all’Ambiente, ad organizzare un tavolo di lavoro tra tutte le parti interessate: Comuni dell’area del Vulture –Melfese,  concessionari e sindacati, per modificare la legge regionale nr. 21 sopra menzionata e creare ulteriori condizioni di sviluppo per l’area interessata. Sulla scorta di quanto detto, va affermato il  principio che i canoni  e le somme possono essere aumentati sul presupposto  che l’acqua è un bene pubblico esauribile e che il bacino idro-minerario necessita di costi di manutenzione elevati ed  è giusto che chi lo sfrutta partecipi alla sua tutela e conservazione.


L'Assessore alle Attività Produttive ed alla Vivibilità Urbana


Avv. Giovanni Alfredo CHIEPPA


Letto : 1362 | Torna indietro

Invia questa pagina ad un amico! Clicca qui

 

Cerca nel sito


Calendario
<Luglio>
LMMGVSD
01 02 03 04 05 06 07
08 09 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 00 00 00


La redazione
comunicando Ditelo al sindaco
comunicando Forum
comunicando Libro degli ospiti
comunicando Newsletter
comunicando Segnalazione guasto

Utilità
Numeri utili
Sanità
Trasporti
Scuole
Parcheggi
Associazioni
Sport
Luoghi di culto
Tempo libero
Codice Fiscale
Link utili




Scarica visualizzatore


 
 
©-2001-2012 - Tutti diritti riservati - Comune di Rionero in Vulture 
-  Provincia di Potenza  - Via R. Ciasca,8 - c.a.p. 85028
- Centralino Tel. 0972/729111 -
E-mail: info@comune.rioneroinvulture.pz.it
Abitanti: 13447 - Alt. s.l.m. 656 mt

Valid HTML 4.01! Valid CSS!