Logo Medaglia d argento al merito civile stemma
  Comune di Rionero in Vulture / News     
  «Home»   |   «News»   |   «Forum»  
Login      Password registrati registrati
             
 
La redazione
comune Sindaco
comune Giunta Comunale
comune Consiglio Comunale
comune Pres. Consiglio Comunale
comune Commissioni
comune Uffici e Servizi
comune Statuto
comune Regolamenti

Calendario
comune Autocertificazioni
comune Bandi e gare
comune Delibere e Determine
comune Guida ai servizi

Amministrazione Trasparente

Albo Pretorio

Sportello Unico Digitale Edilizia
Elenco Pec

La redazione
comune La Storia
comune Monumenti e Chiese
comune Monticchio
comune Il Monte Vulture
comune Palazzo Fortunato
comune Giustino Fortunato
comune Personaggi Illustri
comune I Sindaci di Rionero
comune Ricorrenze
comune Cucina tipica
comune Immagini e video
comune Biblioteca Comunale


Visitatori
Visitatori Correnti : 21
Membri : 0

La redazione



 
ORDINANZA N. 42 del 03/06/2008
Rionero in Vulture 03 giugno 2008 alle 17:20:00

LOTTA AL RANDAGISMO E CONTROLLO NASCITE ANIMALI DI AFFEZIONE.

Ordinanza N. 42 del 03/06/2008


 


 


LOTTA AL RANDAGISMO E CONTROLLO NASCITE ANIMALI DI AFFEZIONE


 


IL SINDACO


 


Preso atto del persistere del fenomeno degli abbandoni di cani nell'ambito e nell'agro del Comune di Rionero in Vulture e delle conseguenti implicazioni di ordine igienico sanitario e sociale.


 


Richiamato il contenuto delle leggi in materia di animali di affezioni e prevenzione del randagismo (Legge 14 agosto 1991 n.281 e Legge Regionale n.6 del 25.01.1993), che prevedono per i cani vaganti ritrovati o catturati il ricovero in Canili Sanitari per un periodo massimo di 30 gg. e successivamente nei canili rifugio, vietandone tassativamente la soppressione.


 


Vista la circolare n.5 del 14/05/2001 del ministero della sanità che istituisce il cosiddetto “cane di quartiere” e precisamente trattasi di cani randagi che devono essere catturati, anagrafati, sterilizzati e reimmessi nello stesso territorio dal quale sono stai prelevati,con l'obiettivo che detti cani hanno la possibilità di sopravvivere, in relazione alla loro notevole capacità di adattamento e considerato il fatto che la gente del quartiere, non dovendosi attribuire l'onere della responsabilità della proprietà del cane, si adopererà per procurare al tradizionale amico dell'uomo i parametri minimi di convivenza, alimenti e alloggio di fortuna.


 


Considerato che spetta al Comune di porre in atto tutti i necessari strumenti atti a salvaguardare la salute degli animali di affezione vaganti sul territorio Comunale nonché la salute pubblica.


 


Considerato che il Comune ha una struttura di ricovero cani in località Pesco già satura per la presenza di circa 230 cani attualmente ricoverati gestita per convenzione dalla Associazione A.N.P.A.N.A., e nonostante tanti cani ricoverati nella struttura citata, dai cittadini arrivano continue segnalazioni di presenza di cani randagi con a seguito cuccioli, che sono causa di problemi di ordine pubblico.


 


Viste anche le segnalazioni datate 08-02-2007 e 17-06-2007 ricevute dal Servizio Veterinario ASL che pone il problema dei cani randagi come “emergenza sanitaria”.


 


Constatato che la specifica situazione locale è tale da giustificare l'emanazione di apposita Ordinanza Sindacale contigibile ed urgente riferita alla situazione di un programma ordinario articolato di lotta e prevenzione del randagismo, in cui si prevede il censimento della popolazione canina, l'iscrizione all'anagrafe canina con relativo transponder, interventi di sterilizzazioni di cani e gatti randagi ed infine di reimmissione sul territorio delle cagne femmine sterilizzate con l'istituzione del “cane di quartiere”.


 


Ricevuta la disponibilità dall'Associazione A.N.P.A.N.A., che gestisce per convenzione il ricovero dei cani randagi in località Pesco, ad adempiere alla cattura dei cani randagi vaganti sul territorio, coordinata in tale compito di individuazione dei cani da accalappiare dalla Polizia Municipale.


 


Sentito il Servizio Veterinario ASL, che ha assicurato, per quanto di sua competenza, per l'attuazione di tale programma straordinario, di provvedere all'anagrafe, al controllo sanitario ed all'intervento di sterilizzazione delle cagne femmine accalappiate, utilizzando l'ambulatorio mobile dell'ASL, presso il ricovero cani in località Pesco.


 


Considerato che, a compimento di tale programma straordinario, le cagne femmine di indole mite, accettate dalla gente, dopo la sterilizzazione ed adeguata degenza, utilizzando i nuovo box acquistati dal comune e montati nel ricovero cani in località Pesco, verranno rimesse a cura dell'Associazione A.N.P.A.N.A. Sul territorio come “cane di quartiere” dotate di un collarino di identificazione in maniera tale da contenere il fenomeno del randagismo arrestando il continuo incremento degli stessi in modo da avere la possibilità di poter gestire una popolazione di cani destinata col tempo ad una naturale progressiva diminuzione.


  


Atteso che il presente provvedimento ha efficacia limitata nel tempo.


 


Considerato altresì l'urgenza di provvedere senza ulteriori indugi.


 


Riconosciuta la propria competenza ex art.50 del D.Legs 267/2000 e dell'art.32 della L.833/78


 


 


O R D I N A


 


Per i motivi di cui in premessa che venga attuato il presente provvedimento, e precisamente:


 


tutti i cittadini devono iscrivere all'anagrafe canina i propri cani di proprietà presenti nel territorio di Rionero in Vulture e sottoporli ad identificazione tramite immissione di un transponder da parte del servizio Veterinario ASL per non incorrere nelle sanzioni amministrative previste per tale inadempienze;


 


l'associazione A.N.P.A.N.A. che gestisce il ricovero dei cani in località Pesco, effettuerà il servizio di cattura dei cani randagi presenti nel centro urbano sia nell'intero territorio comunale di Rionero in Vulture, utilizzando metodi incruenti, coordinati dalla Polizia Municipale che indirizzerà il servizio di accalappiamento prendendo in considerazione le segnalazioni dei cittadini;


 


le femmine accalappiate di indole mite dopo i controlli sanitari, l'identificazione anagrafica, l'intervento di sterilizzazione effettuato dal servizio veterinario ASL presso il ricovero cani in località Pesco utilizzando l'ambulatorio mobile dell'ASL, e dopo adeguato periodo di degenza nei nuovi box del ricovero in località Pesco, verranno rimesse sul territorio, con apposita Ordinanza, dopo averli dotati di un collarino di identificazione, e resteranno sotto controllo a cura dell'Associazione A.N.P.A.N.A., come “cani di quartiere.


 


I restanti cani accalappiati di sesso maschile e tutti i cuccioli rimarranno nel ricovero cani Comunale in località Pesco.


 


Per motivi di salvaguardia di salute pubblica, nelle more della definizione del progetto di realizzazione di un canile sanitario limitato nel tempo, che non dovrà essere inteso come risoluzione radicale del problema randagismo, bensì unicamente come sistema per arrestare il continuo incremento degli stessi nel territorio del Comune di Rionero in Vulture.


Rionero in Vulture, 29/05/2008


Il Sindaco


Antonio PLACIDO


Letto : 2327 | Torna indietro

Invia questa pagina ad un amico! Clicca qui

 

Cerca nel sito


Calendario
<Aprile>
LMMGVSD
01 02 03 04 05 06 07
08 09 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 00 00 00 00


La redazione
comunicando Ditelo al sindaco
comunicando Forum
comunicando Libro degli ospiti
comunicando Newsletter
comunicando Segnalazione guasto

Utilità
Numeri utili
Sanità
Trasporti
Scuole
Parcheggi
Associazioni
Sport
Luoghi di culto
Tempo libero
Codice Fiscale
Link utili




Scarica visualizzatore


 
 
©-2001-2012 - Tutti diritti riservati - Comune di Rionero in Vulture 
-  Provincia di Potenza  - Via R. Ciasca,8 - c.a.p. 85028
- Centralino Tel. 0972/729111 -
E-mail: info@comune.rioneroinvulture.pz.it
Abitanti: 13447 - Alt. s.l.m. 656 mt

Valid HTML 4.01! Valid CSS!